venerdì 5 ottobre 2012

Concilio rivoluzionario? Ratzinger lo nega, ora si ristudia la faccenda (Rodari)

Clicca qui per leggere l'articolo.

1 commento:

Raffaele Ibba ha detto...


Che noia questo rimacinare la stessa farina nello stessa mola. La faccenda è sostanzialmente risolta.
Ma è così anche se uno si legge, senza prevenzioni, l'articolo sul concilio presente nell'Atlante del cristianesimo della Utet. È inutile continuare a ridire che il concilio non è rivoluzionario.
Era formato da 5.000 vescovi di Santa romana Chiesa, nessuno dei quali andava in giro con la bandana in testa, con il coltello al fianco, e la bandiera rossa al seguito. Gente moderata era, anche quando ha detto la verità (come Oscar Arnulfo Romero) ed è stata ammazzata per questo è rimasta gente moderata.
L'analisi di Ratzinger è l'unica scientifica, proprio perché tien conto dell'ovvio dispiegarsi di forze e tensioni culturali e spirituali differenti. Ed è cristiana perché lascia operare lo Spirito Santo secondo i suoi tempi.
Quella di alcuni giornalisti no.
ciao r