giovedì 10 maggio 2012

Lettera di Mons. Fellay agli altri vescovi della Fraternità San Pio X

Clicca qui per leggere il testo segnalatoci da SdC. Qui una traduzione sommaria.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

è una lettera capolavoro di bizantinismi,da un lato 'bastona'la chiesa ufficiale con a capo un papa illegittimo,dall'altra fa capire che offerte così generose da altri pontefici non le spunterebbero mai più,devono decidere radicalmente,extra o intra,accettando senza la presunzione di essere i migliori e i depositari dell'unica fede cattolica,tempo non ne hanno più molto nè loro nè BXVI,che mi pare stia anche perdendo la pazienza,perchè è andato loro incontro esponendosi a critiche feroci,mettendoci la faccia e facendo anche scelte contro corrente,siano meno superbi,si tratta in fin dei conti di una piccola minoranza,assai invisa ai più.P.S.fatta secondo iter richiesta di una messa funebre in latino secondo il vetus ordo,con canti liturgici gregoriani,ci hanno guardato come avessimo chiesto la luna e tutti hanno ricusato dicendo di non conoscere affatto il latino,che nessuno ormai tra i sacerdoti parla o studia quella lingua,forse, ma non è detto che lo troveremo,qualche vecchio frate di non so quale ordine,news not to be commented!GR2

Anonimo ha detto...

A me invece pare che con questa importantissima lettera Mons. Fellay prenda seccamente le distanze dagli altri tre vescovi, affermando la piena legittimità del Papa e mettendoli espressamente in guardia dal pensarla diversamente. E non è tutto: Fellay accusa i tre vescovi di avere ormai una concezione della Chiesa priva sia del soprannaturale che di realismo e di averlo lasciato solo nel momento più delicato del suo mandato.
Alberto

Anonimo ha detto...

Non sarannmo mai meno superbi. Sono incrollabilmente convinti di essere i "salvatori della Chiesa". Se rientrano lo fanno per opportunismo e una volta avuta la loro prelatura sa il cielo cosa succederà. Fellay forse no, ma gli altri tre non nutrono il minimo rispetto né per il Papa né per il suo Magistero. Così Papa Benedetto si troverà fra due fuochi, lefebvriani da una parte progressisti dall'altra, come dire la guerra. Che Iddio gli dia tutta la forza di cui ha bisogno.
Alessia

Anonimo ha detto...

Sono impressionato dal vescovo Fellay!
Lui è cattolico, gli altri ahime! ormai eretici e Felley lo spiega benissimo....
Preghiamo per lui e per BXVI
Flavio

Dan ha detto...

Sono perfettamente d'accordo per quanto riguarda la generositá eccezionale del Santo Padre nei confronti della Frat. S.Pio X. Mi domando se una volta rientrati non si comporteranno come serpi in seno. Ma il Santo Padre vede le cose da una prospettiva ben diversa dalla nostra come sempre.
Per quanto riguarda la messa in latino devo dire che anche in una cittá piena di atei e massoni (Trieste), ci sono ancora 2 chiese dove si celebra secondo il vetus ordo una volta alla settimana (per pochissimi) e si puó ottenere una funzione funebre in latino. Dan

Anonimo ha detto...

A Trieste c'è Crepaldi, inviso dagli atei e dai massoni e da tutti i cattocomunisti triestini che non perdono occasione per attaccarlo. Eufemia

Anonimo ha detto...

La lettera è in spagnolo e la traduzione pessima..prima di attaccare mons. Fellay consiglierei le "Vestali romane" di leggere bene tra le righe e si troverà un'apertura senza precedenti da parte di mons. Fellay...ogni unione causa problemi ma resta il fatto che loro han conservato la Tradizione pura e bisogna prenderne atto ...ma per molti cattolici(sic!) l'insulto è da preferire al Vangelo.
Questo non vi restituirà i milioni fedeli perduti nè le chiese e i monasteri pieni di vocazioni.
L'Islam intanto avanza nei suoi piani di conquista e voi abbaiate alla luna!

Anonimo ha detto...

La lettera è in spagnolo e la traduzione pessima..prima di attaccare mons. Fellay consiglierei le "Vestali romane" di leggere bene tra le righe e si troverà un'apertura senza precedenti da parte di mons. Fellay...ogni unione causa problemi ma resta il fatto che loro han conservato la Tradizione pura e bisogna prenderne atto ...ma per molti cattolici(sic!) l'insulto è da preferire al Vangelo.
Questo non vi restituirà i milioni fedeli perduti nè le chiese e i monasteri pieni di vocazioni.
L'Islam intanto avanza nei suoi piani di conquista e voi abbaiate alla luna!

Anonimo ha detto...

L'deale sarebbe che Tissier, de Galareta e Williamson restassero fuori con l'ala sedevantista.

Lefebvriani, la battaglia interna
http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/lefebvriani-lefebvrians-lefebviranos-vaticano-vatican-15021/
Alessia

Anonimo ha detto...

caro anonimo delle 15.53,l'Islam avanza comunque,con o senza i lefebvriani,perchè l'occidente si è votato all'ateismo più bieco e cieco,quindi ai loro occhi siamo ancora più esecrabili di quanto lo saremmo come infedeli cristiani e poi perchè ancora ci sono 'anime candide' che ritengono che il dialogo sia possibile,personalmente non l'ho mai creduto,però non tutti abbaiano alla luna come crede lei,qualcuno che veglia per fortuna ancora c'è.....

mic ha detto...

Cara Raffa,
qui c'è da oggi una buona traduzione
http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2012/05/lettera-di-mons-fellay-agli-altri.html