sabato 14 aprile 2012

Il segretario del Papa su 'Gente': Compleanno in famiglia

Papa/ Il segretario Georg su 'Gente': Compleanno in famiglia

'Lui stesso ha detto: Per favore non voglio grandi celebrazioni'

Roma, 14 apr. (TMNews)

"Non ci saranno festeggiamenti solenni in Vaticano per il compleanno del papa. Piuttosto una festa in famiglia. Come lui stesso ha chiesto: 'Per favore non voglio grandi celebrazioni', ha detto a noi collaboratori": lo ha detto in esclusiva a 'Gente', il settimanale Hearst Magazine Italia diretto da Monica Mosca in edicola lunedì 16 aprile, monsignor Georg Gaenswein, segretario personale di Benedetto XVI, che lunedì festeggia 85 anni e tre giorni dopo, il 19 aprile, inizia il suo ottavo anno come successore di Pietro.
"Il 16 aprile è lunedì, un normale giorno di lavoro, e lui non interrompe mai la routine quotidiana. Sarà però un giorno molto bavarese", ha aggiunto monsignor Gaenswein.
Benedetto XVI, ha detto monsignor Georg Gaenswein, è "un Papa della parola. La sua semplicità, la sua sincerità e il suo coraggio sono stati spesso fraintesi. Forse perché lui chiama gli errori con il loro nome. Ma ha sempre avuto delicatezza e rispetto nel quotidiano rapporto con il prossimo. Anche con il sottoscritto.
Non mi ha mai detto: 'Così non va: hai sbagliato'. Ma piuttosto: 'Si potrebbe fare così o così'. Critiche severe nella sostanza, ma espresse in modo soave, serafico'. Secondo il suo segretario, Benedetto XVI non sembra preoccuparsi dell'immagine che i media danno di lui, come una persona fredda e conservatrice: "Immagine derivata in buona parte da una distorsione", ha detto il prelato tedesco nell'intervista a 'Gente'.
"Ma lui ha imparato ad affrontare le critiche. Sa inquadrarle e accettarle. Sa distinguere le notizie e i loro contesti. L'opinione pubblica, la stampa e la tv sono importanti e vanno presi in considerazione. Ma spesso non orientano la navigazione vaticana".

© Copyright TMNews

7 commenti:

Anonimo ha detto...

il papa non vuole grandi celebrazioni e in vaticano lo prendono alla lettera.
infatti non organizzano nemmeno piccole celebrazioni.
anch'io dico sempre a tutti che non voglio regali di compleanno ma se me li fanno sono contento.

raffaella blog ha detto...

Grande :-))
R.

Anonimo ha detto...

anche a me non piace celebrare i miei compleanni,perchè gli anni scorrono inesorabilmente,però se i miei non mi fanno almeno una telefonata,me la prendo(sono suscettibile)GR2

laura ha detto...

Speriamo che preghino almeno per Lui!!!!! e che s ifacciano un bell'esame di coscienza in tema di fedeltà e obbedienza! Sarebbe il regalo più bello

Ottavio ha detto...

L'intervista non poteva essere rilasciata a un settimanale un po' più all'altezza del Santo Padre? Una maggior selezione da parte del suo segretario costava così tanta fatica?

Luisella ha detto...

Concordo con Ottavio. Le colonne di un serio quotidiano a tiratura nazionale erano senz'altro più adeguate. Mai il meglio per Papa Benedetto XVI, eh?
Sembra che questo segretario abbia a sua volta bisogno di un segretario che lo guidi ogniqualvolta si trova ad avere a che fare con situazioni o persone fuori delle mura vaticane.

gemma ha detto...

Per esempio, a quali settimanali allude Ottavio?? Le interviste forse si rilasciano a chi le chiede, gentilmente. E non piacerà ai raffinati, ma i semplici è più facile leggano riviste popolari che non riviste intellettualmente forbite o a impronta teologica. Alla fine quelli che vanno in piazza e pregano per il Papa ho la sensazione che siano più i semplici che non quelli che si ritengono intellettualmente alla sua altezza. E' giusto che il suo segretario porti il Papa anche a loro, così come ha modo di conoscerlo lui meglio di altri